Articolazioni della struttura della colonna vertebrale dellasse dei muscoli movimento agisce

Colonna Vertebrale

Se la parte bassa della schiena dolorante e rinuncia a cosa fare, dove andare

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di più leggi la nostra Cookie Policy. I testi seguenti sono di proprietà dei rispettivi autori che ringraziamo per l'opportunità che ci danno di far conoscere gratuitamente a studentidocenti e agli utenti del web i loro testi per sole finalità illustrative didattiche e scientifiche. Le informazioni di medicina e salute contenute nel sito sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo e per questo motivo non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione.

Il nucleo contiene la Cromatina che, se posta a contatto con coloranti, assume colori molto forti. In essa vi è il materiale genetico che in fase di stasi è in forma liquida, mentre nel momento della divisione cellulare il materiale genetico si raggruppa in coppie uguali di cromosomi X e Y.

Esistono nel corpo umano 4 tipi di tessuto:. La classificazione avviene in base alle caratteristiche della struttura e della matrice extracellulare. Il tessuto epiteliale ha una struttura molto compatta composta prevalentemente da tante cellule e con scarsa presenza di matrice extracellulare. Ha una funzione protettiva cuteuna funzione di rivestimento mucose e una funzione di secrezione ghiandole. Il tessuto connettivo è composto da cellule separate da una matrice extracellulare che conferisce le caratteristiche del tessuto; la sua funzione è varia.

Il tessuto muscolare ha una struttura di fibrocellule muscolari e si divide in:. Il tessuto nervoso è costituito da una fitta rete di neuroni formati da dentriti, dal corpo cellulare e ogni neurone da un assone.

Le cellule gliali sono di sostegno alle prime e la funzione generale di tutto il tessuto è quella di trasmettere impulsi elettrici. Piano sagittale: è quello che attraversa il corpo umano come una freccia e lo divide in una parte Dx e in una parte Sx.

Piano frontale: parallelo alla articolazioni della struttura della colonna vertebrale dellasse dei muscoli movimento agisce fronte suddivide il nostro corpo in una parte anteriore e in una parte posteriore.

Piano trasversale: sega il corpo umano in una parte superiore e in una parte inferiore. Punti scheletrometrici e linee superficiali di riferimento. Serie di punti e linee individuabili in rapporto allo scheletro. Essi ci permettono di assegnare una dimensione quantitativa alle differenze morfologiche tra i diversi individui; inoltre ci permettono di indicare in modo preciso la posizione di un organo o la localizzazione di un sintomo.

Si distinguono in: linee orizzontali e linee vericali. Regioni addominali. Osso lungo — descrizione Diafisi osso compatto Cartilagine di coniugazione Epifisi osso spugnoso Cartilagine articolare Canale midollare Periostio Istologia. Embriologia Ossificazione : intramembranoso e endocondrale.

Processo di formazione di osso da parte di osteoblasti. Endocondrale: a livello delle cartilagini ialine formata dai condroblasti e va incontro alla calcificazione… centri di ossificazione primari intramembranoso e centri di ossificazione secondari endocondrale.

Crescita apposizionale: successive deposizioni di un nuovo strato osseo sulla superficie di quello preesistente. Rimaneggiamento osseo: rimozione di osso vecchio da parte di osteoclasti e posizionamento di nuova matrice ossea da parte di osteoblasti.

Definizione: per articolazione si intende la sede di incontro fra due o più capi ossei. Struttura: interposizione di fibrocartilagine; dischi articolari cartilaginei; capsula articolare la quale risulta fibrosa nella parte esterna e sinoviale nella parte interna; liquido sinoviale ac. Classificazione: è basata secondo i movimenti consentiti… monoassiali, biassiali, multiassiali.

Lo scheletro si divide in assile e in appendicolare. Lo scheletro assile protegge il cervello, il midollo spinale, e gli organi vitali posti nella gabbia toracica. Lo scheletro appendicolare funge da sostegno per i muscoli degli arti superiori, inferiori e compone il bacino. Le ossa assili o appendicolari si dividono in pari o impari. Il cranio è formato da 28 ossa:. Esse sono presenti anche nella parte interna del cranio. Le 2 ossa parietali sono unite attraverso la sutura sagittale.

Visione laterale. Visione frontale. Le cavità più rilevanti sono le orbite e la cavità nasale. Le prime sono importanti per la protezione degli occhi e dei muscoli che li muovono. La cavità nasale è divisa in due parti dal setto nasale. Visione dal basso. Tutto il sangue quindi passa attraverso il canale carotideo arterie carotidi interne e il foro occipitale arterie vertebrali. Il vomere è, invece, la porzione articolazioni della struttura della colonna vertebrale dellasse dei muscoli movimento agisce — posteriore del setto nasale.

La colonna vertebrale è formata da 26 ossa suddivise in: 7 vertebre cervicali12 toraciche5 lombari1 sacrale1 coccigeo. In un adulto, cioè quando la colonna vertebrale è completata, si nota la presenza di 4 curve maggiori: la regione cervicale e lombare sono convesse anteriormente lordosiquelle toracica, sacrale e coccigea sono concave anteriormente cifosi. Se le curve sono eccessive cioè si ha una lordosi troppo pronunciata, tale difetto si definisce iperlordosiper una cifosi eccessiva si dice che nel soggetto è presente una ipercifosi.

La articolazioni della struttura della colonna vertebrale dellasse dei muscoli movimento agisce è invece una curvatura o più curvature anomala laterale della colonna vertebrale. Aspetto generale delle vertebre. Funzioni della colonna vertebrale:. Ogni vertebra è dotata di un corpodi un arco, e di vari processi. Il corpo è quella parte della vertebra che sostiene il peso del corpo e consiste in un disco osseo.

Fra un disco osseo e un altro sono presenti i dischi fibrocartilagieniformati da un anello fibroso esterno e da un nucleo polposo interno una sostanza gelatinosa.

La loro funzione è di evitare sfregamenti fra le vertebre, che porterebbero ad una veloce usura e appiattimento, e come ulteriore sostegno. Durante lo sviluppo è possibile che si verifichi una malformazione della colonna vertebrale, quando, nello stadio fetale, alcune lamine non si fondono assieme: questo difetto è chiamato spina bifida. Esistono poi altri fori, gli intervertebrali, che permettono ai nervi spinali di uscire dalle vertebre. Essi sono presenti in una zona denominata faccetta articolare.

Per processo spinoso si intende in punto di unione della 2 lamine, mentre quello strasverso si estende singolarmente da ciascun arco al più prossimo processo spinoso. I processi spinosi sono facilmente articolazioni della struttura della colonna vertebrale dellasse dei muscoli movimento agisce tramite palpazione e si identificano come articolazioni della struttura della colonna vertebrale dellasse dei muscoli movimento agisce lungo la linea mediana del dorso.

Differenze regionali delle vertebre. Dislocazioni e fratture delle vertebre cervicali sono le più, frequenti a causa delle loro dimensioni più piccole. Le vertebre lombari, visto il loro peso e mole, sono più resistenti, ma causano lo schiacciamento dei dischi intervertebrali e la loro frattura. Detta anche gabbia costale ha le funzioni di proteggere gli organi al suo interno quelli vitali e di evitare il collasso polmonare durante la respirazione.

È formata dalle vertebre toraciche, dalle coste con le rispettive cartilagini ma non presenti in tutte e dallo sterno. Coste e cartilagini costali. Le coste false differiscono dalle prime nel modo di contatto con lo sterno: esse non si attaccano direttamente allo sterno. Le cartilagini costali sono caratterizzate da una particolare flessibilità che non limita la variazione di volume della gabbia toracica durante la respirazione.

Lo sterno. Lo sterno si divide in 3 parti: articolazioni della struttura della colonna vertebrale dellasse dei muscoli movimento agisce manubrioil corpo e il processo xifoideo.

Nessuna costa si attacca al processo xifoideo e questo è il responsabile delle possibili lacerazioni del fegato durante la rianimazione cardiaca.

Quando si parla di scheletro appendicolare si intendono le parti scheletriche degli arti superioridegli arti inferiori e dei cingolicioè dei punti di contatto tra gli arti e il resto del corpo. Arto superiore. Cingolo pettorale. La spina scapolare è una estensione del processo acromiale e divide posteriormente la fossa sopraspinata dalla fossa sottospinata la più grande. La clavicola è un osso a forma di esse allungata ed è costituita da un corpo e da due estremità: una che si articola con il processo acromialee una con il manubrio dello sterno.

Il braccio. Per braccio si intende quella parte del corpo che limitata dalla spalla al gomito. Le porzioni distali delle ossa metacarpali contribuiscono a formare le nocche. Ogni dito della mano è composto da 3 falangi articolazioni della struttura della colonna vertebrale dellasse dei muscoli movimento agisce, media, distaleeccetto il pollice che ne ha 2 prossimale, distale.

Fra falange e metacarpo del pollice si formano 2 o 3 ossa dette sesamoidee. Arto inferiore. Cingolo pelvico. Queste ultime sono composte superiormente da un largo osso concavo e inferiormente da un anello osseo denominato foro otturatorio. Il cingolo pelvico e fondamentale per il sostegno del corpo, la protezione degli organi interni. La grande pelvi si trova sopra lo stretto superiore. La piccola pelvi al di sotto e la sua apertura si chiama stretto inferiore.

La porzione distale presenta i condili laterale e medialepunti di inserzione di muscoli e legamenti. La gamba è costituita da due ossa: tibia e perone.

La prima è la più grande e in prossimità della rotula presenta una tuberosità identificabile al contatto detta tuberosità tibiale e funge da inserzione dei muscoli anteriori della coscia. I moderni scarponi da sci coprono la maggior parte della gamba in modo da evitare il più possibile fratture ossee a livello della tibia e del perone, ma anche del malleolo.

Le ossa metatarsali e le falangi sono simili alle ossa metacarpali e alle falangi della mano. Significative per la struttura e le funzioni del corpo sono tra le altre: Temporomandibolare. Articolazione fra osso temporale e mandibola.

Il tutto è circondato da una capsula fibrosa che si unisce al disco ed è rafforzata da legamenti laterali ed accessori. Quando una persona apre la bocca si nota uno scivolamento anteriore del condilo mandibolare rispetto alla fossa con un conseguente movimento a ginglimo tra il disco articolare e il condilo. Limitati sono i suoi movimenti laterali che permettono alla mandibola la sua escursione. Frequenti sono anche tendiniti borsiti e artriti infiammazioni e possono risultare molto dolorose.